Esterno OUT.jpg

gruppo vergero - new headquarter


1 Riutilizzo del terreno / pavimentazione / coperture green

Lo spazio compreso tra la tangenziale ed i nuovi fabbricati pari a circa 30 ml di larghezza corrisponde alla fascia di rispetto autostradale. Si compone da una scarpata erbata con la sottostante canalina per la raccolta dell’acqua e da una fascia di terreno pianeggiante che arriva sino alle pareti esterne dei nuovi edifici ad una quota inferiore di circa 3, 50 mt. dal guardrail stradale soprastante.
Solitamente si tratta di uno spazio di risulta senza particolari qualità lasciato a sterpaglie, poco invitante a causa dell’inquinamento dovuto al traffico.
Il progetto ne propone, invece, una rivisitazione plano altimetrica quale principio regolatore dell’intero lotto. Lo spazio antistante ed attorno i nuovi edifici viene modellato con il terreno risultante dagli scavi delle fondazioni a diversi livelli di altezza, secondo una griglia modulare a base quadrata di circa 4m x 4m. Questi moduli in terra inerbiti e delimitati da muretti di contenimento hanno diversi utilizzi secondo la loro posizione e altezza: barriera acustica e visiva, luogo di ristoro e di lavoro outdoor in continuità con gli uffici del nuovo headquarter, prato per piantumazioni antismog, area a parking, orto aziendale oppure semplice pattern della pavimentazione esterna.
Alcuni di questi moduli potranno essere impiegati con la funzione di rain drain e di bacino di laminazione durante gli eventi atmosferici di maggiore intensità a servizio dell’intera area industriale.
Alcuni di questi moduli di terreno di scavo poi “migrano” verso la copertura del nuovo fabbricato industriale per diventare orti utilizzabili dai dipendenti, al servizio della mensa aziendale a km zero e cortina arborea quale risarcimento ambientale per il consumo di suolo dovuto al nuovo insediamento.
Tutte le pavimentazioni esterne tranne quelle ad uso esclusivo dei mezzi per il carico/scarico dei materiali sono intese con materiali permeabili, possibilmente in erba armata, per una maggiore continuità tra gli spazi verdi e gli spazi di transito e per ridurre in modo significativo l’impatto della cosiddetta isola di calore tipica delle più tradizionali aree industriali.

2 Sostenibilità e flessibilità
Il nuovo headquarter dell’azienda viene previsto con un piano interrato in c.a. su cui si attesta per i successivi 4 piani una maglia strutturale in pilastri, setti e solai in legno Xlam (Struttura Mista Acciaio Legno - SMAL).
Questa soluzione strutturale più leggera rispetto ad altre oltre a rispondere a principi di sostenibilità ambientale per la provenienza del legno da foreste certificate FSC garantisce una veloce esecuzione ed un’elevata flessibilità di utilizzo degli spazi. Gli uffici e gli spazi comuni potranno essere facilmente disposti all’interno di un modulo strutturale 4x4 mt e 4x8 mt, mentre nella parte dell’edificio confrontante il fabbricato industriale esistente saranno accorpati i corpi scala ed ascensori facilmente accessibili da tutti i piani.
Appropriate soluzioni tecnologiche (involucro esterno con doppia pelle di facciata, impianto di riscaldamento e raffrescamento geotermico) compositive e di utilizzo e smaltimento di materiali di costruzione permetteranno di affinare in una fase successiva il progetto secondoi protocolli di certificazione Passivhouse e Leed

3. Il nuovo Landmark
La posizione di forte visibilità dei nuovi edifici industriali suggerisce un intervento di omogeneizzazione architettonica lungo tutto il fronte edificato (fabbricato industriale, palazzina uffici e area container) per una lunghezza complessiva di circa 290 metri ed un‘altezza di circa 16 metri.
L’ intervento prevede la realizzazione sul fronte prospiciente la tangenziale di una
pelle architettonica in pannelli di lamiera microforata, leggermente bombati, direttamente installati sulla parete perimetrale del fabbricato industriale e della palazzina uffici mentre per le parti rimanenti saranno applicati su un‘apposita struttura metallica di supporto.
L’inserimento di questa pannellatura risponde a criteri:
• Decorativi la parete di pannelli microforati grazie alla loro forma potranno riflettere nelle ore diurne la luce solare in modo dinamico e cangiante così come nelle ore notturne per mezzo di un intervento di retroilluminazione. Una soluzione spettacolare e duratura nel tempo che vuole esprimere al meglio il brand aziendale di forte innovazione e adattamento al cambiamento del Gruppo Vergero
• Sostenibilità la microforatura dei pannelli consentirà una riduzione dell’apporto dei raggi solari sui fronti della palazzina ad uffici e del fabbricato industriale migliorando sensibilmente l’efficienza energetica degli stessi soprattutto se il nuovo capannone sarà realizzato con una finitura delle facciate in colore scuro.

LOCATIONVenaria Reale - Torino - Italy

 

CLIENTSGruppo Vergero

 

YEAR: 2021

 

STATUS: Competition - Menzione 

 

TEAM: GMZNstudio - Studio FFWD Architettura

Vista Tange OUT.jpg
pt.jpg
p2.jpg
p1.jpg
p3.jpg
Hall OUT.jpg
Interno OUT.jpg
Spazi di alvoro.jpg
Spazi di alvoro.jpg
Sezione.jpg
vista dettaglio_OUT.jpg